Via Francigena: 8 giorni nella Daunia

Seleziona una data dal calendario per visualizzare la Data e il Luogo.
Descrizione

Tutti i luoghi descritti nella esperienza si trovano nella Provincia di Foggia - Puglia - Italia.

Dopo il Cammino di Santiago, oggi è la Via Francigena/Via dell’Angelo a rappresentare l’aspirazione più grande per un camminatore/pellegrino.

I lunghi Cammini, francigeno e micaelico, trovano nella Provincia di Foggia la loro più alta spiritualità. Fra le alture dei Monti Dauni, il verde mare del grano della meseta Capitanata e la sacralità della Montagna di San Michele, si provano le emozioni più profonde ripensando agli innumerevoli pellegrini e santi che, dopo aver percorso migliaia di chilometri lungo le grandi e antiche strade medievali che univano il vecchio continente ai luoghi sacri dell’Asia e del Medioriente, entravano nel Sacro Speco della Montagna Gargano (terribilis locus) ebbri di gioia per aver raggiunto la loro meta.

Si camminerà alla ricerca della storia attraverso le diverse realtà del territorio: la sua spiritualità invisibile, misteriosa e trascendente, l’ambiente unico nella biodiversità, la sua gastronomia derivante dalla riscoperta della cucina povera di generazioni di contadini che, con faticoso lavoro, riuscivano a sfamare la propria famiglia servendosi di quanto di più povero la natura regalava loro.

Tutte queste emozioni raccontate nel percorso da Michele del Giudice, noto pellegrino dauno dei tre grandi Cammini: Santiago, la Via dell’Angelo e il Cammino di Dio.

Programma

Giorno 1

Punto di incontro dei Camminatori alla stazione ferroviaria o all'aeroporto "Gino Lisa" di Foggia e trasferimento a Celle di San Vito, il comune meno popolato della Puglia e tra i pochi centri franco-provenzali d'Italia. Un borgo dalla suggestione unica, attaversato dalla antica Via Traiana e circondato da boschi incontaminati.

Alloggio e cena di benvenuto.

Giorno 2

Partenza da Celle di San Vito ed arrivo a Troia. Accoglienza presso l’Hospital del Cammino, in comode camerate e con ottimi servizi igienici. È necessario il sacco a pelo.

Cena e visita alla città "Bandiera Arancione" ed alla cattedrale, famosa in tutto il mondo

Tappa Celle di S. Vito - Troia

Partenza: Celle di San Vito            

Arrivo: Troia                  

Distanza: 15 km              

Dislivello: 265/-640 m                                                  

Difficoltà: E               

Tempo di percorrenza: 5,30 ore                   

Fondo stradale: misto asfalto - sterrato

Giorno 3

Troia - Lucera

Partenza alle ore 9 in modo da arrivare nel primo pomeriggio a Lucera 

colazione, alloggio e cena - visita alla "Città d'Arte", porta dei Monti Dauni e ricca di testimonianze storiche.

Partenza: Troia                  

Arrivo: Lucera                     

Distanza: 21 km             

Dislivello: 86/-237 m                        

Difficoltà: E          

Tempo di percorrenza: 7 ore                  

Fondo stradale: 95% sterrato

Giorno 4

Lucera - San Severo 

Partenza alle ore 9 in modo da arrivare nel primo pomeriggio a San Severo 

Alloggio e cena - visita alla "Città d'Arte" del Nord Tavoliere, nota come la città dei campanili.

Partenza: Lucera                           

Arrivo: San Severo                                           

Distanza: 21km                                          

Dislivello: 75/-216m                                   

Difficoltà: E                                        

Tempo di percorrenza: 5,3 ore                       

Fondo stradale: 80% sterrato

Giorno 5

San Severo - Santuario di Stignano (San Marco in Lamis)

Partenza alle ore 9 in modo da arrivare nel primo pomeriggio a San Marco in Lamis

Alloggio e cena - visita alla città del Gargano, nota per i Santuari di Stignano e San Matteo e per la presenza nel suo territorio di testimonanze provanti la presenza dei dinosauri sul Gargano (Parco dei Dinosauri di Borgo Celano).

Partenza: San Severo                       

Arrivo: Santuario di Stignano (San Marco in Lamis)                            

Distanza: 21km                                          

Dislivello: 260/-75 m                                  

Difficoltà: E                                         

Tempo di percorrenza: 5 ore                         

Fondo stradale: 70% sterrato

Giorno 6

Santuario di Stignano (San Marco in Lamis) - San Giovanni Rotondo 

Partenza alle ore 9 in modo da arrivare nel primo pomeriggio a San Giovanni Rotondo 

Alloggio e cena - visita alla città di San Padre Pio (tra le primissime mete turistiche religiose internazionali).

Partenza: Santuario di Stignano (San Marco in Lamis)

Arrivo: San Giovanni Rotondo     

Distanza: 23km                                                

Dislivello: 995/-630m                                  

Difficoltà: E                                   

Tempo di percorrenza: 7 ore                            

Fondo stradale: 95% sterrato

Giorno 7

San Giovanni Rotondo – Monte Sant’Angelo

Partenza alle ore 9 in modo da arrivare nel primo pomeriggio a Monte Sant'Angelo 

Alloggio e cena - visita alla città UNESCO - Patrimonio Mondiale dell'Umanità - visita del suggestivo Rione Junno, borgo medievale dal fascino inconfondibile, e dei maggiori monumenti della città, quali il Castello, la Tomba di Rotary, le splendide chiese ed il santuario micaelico più antico del Mondo (l'unico consacrato direttamente da San Michele Arcangelo e dove è riconosciuta l' Indulgenza Plenaria), scavato nella Montagna, tra le 8 grotte più belle del mondo e la prima in Italia (riconoscimento del National Geographic), nonchè uno dei maggiori centri di cristianità a livello internazionale da oltre 1.500 anni.

Partenza: San Giovanni Rotondo                           

Arrivo: Monte Sant’Angelo                                      

Distanza: 24km                                                             

Dislivello: 590/-340m                                                     

Difficoltà: E                                                           

Tempo di percorrenza: 7 ore                                         

Fondo stradale: 75% sterrato

Giorno 8

Colazione e check-out.

trasferimento da Monte Sant'Angelo alla stazione ferroviaria o all'aeroporto "Gino Lisa" di Foggia.

Giornata libera per visita alla città di Foggia - sede imperiaale ed ai suoi numerosi monumenti, segno tangibile del suo illustre passato. Ricordiamo, a titolo indicativo: centro storico, ipogei medievali, Palazzo Dogana (sito UNESCO, Monumento messaggero della Cultura di Pace), Chiesa del Calvario (monumento nazionale), Parco Naturale Regionale Bosco Icoronata (tra i boschi di pianura più grandi d'Italia) e Santuario Madonna Incoronata (meta turistica religiosa internazionale e primo luogo in Occidente di apparizione mariana), Cattedrale con tavola Iconavetere Madonna dei Setteveli. 

Saluti di gruppo.

Giornata extra - € 55,00 (con cena, pernottamento e colazione inclusi).

Visita alla splendida Abbazia di Pulsano (edificata nel VI sec., sui resti di un antico tempio pagano) ed agli Eremi della omonima Valle, dai panorami mozzafiato e dalle sensazioni spirituali indescrivibili (luogo classificato al primo posto nel censimento nazionale del FAI del 2010), in agro di Monte Sant'Angelo (giornata aggiuntiva, posteriore all'esperienza di cui sopra).

Discesa a Manfredonia.

Partenza ore 7 con pulmino. Visita all'Abbazia ed agli Eremi di Pulsano (Monte Sant'Angelo) (da concordare con organizzatore). Discesa a Manfredonia con pulmino alla base della discesa.

Alloggio e cena a Manfredonia - visita alla città

Partenza: Monte Sant'Angelo                                       

Arrivo: Manfredonia                                               

Distanza: 24km                                                       

Dislivello: -850                                                             

Difficoltà: EE                                                                 

Tempo di percorrenza: 9 ore                                           

Fondo stradale: 30% sterrato

 
Annotazioni

Punto di accoglienza

ore 15.00 ingresso stazione ferroviaria o aeroporto "Gino Lisa" di Foggia. Si procederà in pullman per Celle di San Vito.


Cosa portare

Tenendo presente che si affronta un Cammino di circa 130 km, è necessario dotarsi di tutta l’attrezzatura per un lungo percorso:

Zaino di 60 lt

Sacco a pelo                                                

Spazzolino

Bastoncini telescopici                                

Calze per trek (3 paia)                                    

Dentifricio

Scarponi da trek collaudati                              

Felpa                                                        

Coltellino

Scarpette da riposo/sandali                    

Asciugamani in microfibra                                  

Fischietto

Pantaloni – calzoncini (2 paia)                  

Mantella per pioggia                                

Cerotti per vesciche

Camicie/magliette (2 paia)                          

Cappellino                                                  

Pomata al cortisone

Indumenti intimi (2 paia)                                

Occhiali da sole                                      

Antinfiammatorio

 

Come affrontare il Cammino

Un Cammino lo si affronta al meglio avendo una valida motivazione intima.

La grande valenza del camminare per vari giorni in territori belli e sconosciuti, certamente è da stimolo per la ricerca del proprio essere; ma la preparazione a questa ricerca deve partire ancora prima dell’inizio del Cammino. 

Quando si è soli con se stessi e si ha un po’ di tempo per uno schietto riassunto del proprio vivere, vengono a galla i grandi bisogni esistenziali che finalmente ci accorgiamo di avvertire. 

Un coraggioso esame di se stessi serve a motivare questa esperienza di Cammino affiancando al semplice valore fisico, anche quello spirituale.


Info e prenotazioni

Associazione Cammina Cammini

http://www.camminacammini.com/

http://camminacammini.blogspot.it/

Mobile 393 8917725, 380 1261158

Celle di San Vito

Celle di San Vito

Celle di San Vito, detto anche Cèlle de Sant Uite o Vite in francoprovenzale, è un paese di circa 180 abitanti situato a 735 metri di altitudine nei Monti Dauni, arroccato sui contrafforti dell'Alta Valle del Celone. Dista circa 40 Km dal capoluogo. E' il comune meno popolato della Puglia.Insieme al vicino paese Faeto, forma l'unica isola linguistica di lingua francoprovenzale della Puglia. Tale lingua minoritaria è stata riconosciuta e tutelata dallo Stato italiano.
Troia

Troia

Troia è un’antichissima cittadina pugliese di circa 7300 abitanti, sui Monti Dauni in provincia di Foggia, le cui origini si facevano risalire al tempo dell’eroe greco Diomede che, insieme ad Ulisse, conquistò la città di Troia dell’Asia Minore. E' "Bandiera Arancione" del Touring Club Italiano, "Comune Riciclone" di Legambiente e "Bandiera Verde" della CIA.
Lucera

Lucera

E' un comune di 33762 abitanti situato su un'altura formata da tre colli (Monte Albano, Monte Belvedere e Monte Sacro). Lucera possiede un clima prevalentemente mediterraneo con estati caldi e inverni miti. I venti sono frequenti e talvolta piuttosto forti.La sua cultura storico-artistica fa di Lucera una "città d'arte", traboccante di monumenti, cattedrali e basiliche.
San Severo

San Severo

San Severo è una città di circa 54000 abitanti che sorge al centro dell'Alto Tavoliere delle Puglie, in Provincia di Foggia, ed è un grande centro di antiche tradizioni mercantili e agricole.E' sede universitaria, oltre che città devota alla tradizione e città d'arte.
San Marco in Lamis

San Marco in Lamis

San Marco in Lamis è un comune pugliese del Parco Nazionale del Gargano e della Comunità Montana del Gargano, in provincia di Foggia, con circa 14000 abitanti.  Esso è stato protagonista di diverse leggende tra cui l’apparizione della Madonna che restituì la vista a Leonardo di Falco, uomo cieco dalla nascita, e la battaglia tra l’Arcangelo Michele e Satana nella valle di Stignano e nell'omonimo santuario. E' tra i Borghi Autentici d'Italia.
San Giovanni Rotondo

San Giovanni Rotondo

In Puglia, a quasi 600 metri di altezza, in provincia di Foggia, nel Parco Nazionale del Gargano, sorge San Giovanni Rotondo, città di circa 27.000 abitanti, con un centro storico la cui parte più antica risale all'epoca svevo-angioina e caratterizzata da stretti vicoli e angoli suggestivi. E' tra le principali mete mondiali di turismo religioso, grazie al Santuario di San Padre Pio da Pietrelcina.
Monte Sant Angelo

Monte Sant Angelo

Il Santuario e la grotta di San Michele sono una delle mete preferite del pellegrinaggio internazionale quali tappe della via che conduce in Terra Santa, via che, con l'avvento dei Longobardi, prese il nome di Via Sacra Longobardorum. 
Manfredonia

Manfredonia

Manfredonia è un comune Pugliese situato nella zona meridionale del gargano, che comprende più di 55.000 abitanti.Esso è un paese costiesro, infatti presenta un fantastico porto, molto utile anche per la sua economia. Inoltre è famosa anche per il suo carnevale, che prevede la costruzione di diversi carri, che gareggeranno tra loro per vincere l'ambito premio.
Foggia

Foggia

"Foggia è 'chello' che è passate, e che angor ha da venì". Il cantautore napoletano Eugenio Bennato non poteva trovare parole migliori per catturare nel suo brano “Foggia” l'essenza di una città dal grande passato, che fa fatica a ritrovare se stessa, fra le tracce materiali lasciate dal tempo, ma che attende il momento del suo riscatto.
Arco del Palazzo Imperiale di Federico II

Arco del Palazzo Imperiale di Federico II

L'archivolto scolpito si trova in piazza Nigri, murato sul fianco di Palazzo Nigri che ospita l'attuale Museo Civico della città.
Santuario di San Michele Arcangelo

Santuario di San Michele Arcangelo

Secondo la tradizione, il santuario ha origine nel 490, anno della prima apparizione dell'arcangelo Michele sul Gargano a san Lorenzo Maiorano. Nel corso dei secoli, milioni di pellegrini si sono recati in visita a questo luogo di culto così antico. Tra di essi numerosi papi e sovrani.
Basilica Santuario \"Madre di Dio Incoronata\"

Basilica Santuario \"Madre di Dio Incoronata\"

La leggenda narra che nel 1001 nel bosco del torrente Cervaro, di cui il Parco Naturale Regionale omonimo conserva un lembo, vi fu la prima apparizione della Madonna e il ritrovamento della sua immagine. Un pastore pose in quel luogo una lampada votiva ad olio, di cui tutt'ora una versione moderna arde a devozione dei fedeli all'interno del santuario. 
Fortezza Svevo-Angioina

Fortezza Svevo-Angioina

La fortezza sorge in un luogo solitario e selvaggio. Fu una struttura militare risalente al XIII secolo, edificata in età federiciana e angioina e completata nel 1283.   Federico II fece edificare il suo Palatium negli anni '20 del 1200 per controllare i Saraceni trasferiti forzatamente dalla Sicilia a Lucera, che ben presto si trasformò in una cittadella musulmana.
Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta

Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta

La basilica cattedrale di Santa Maria Assunta, eretta per ordine di Carlo II di Napoli e consacrata nel 1302,è un esempio di architettura gotico-angioina è la principale chiesa della città e anche la cattedrale della diocesi di Lucera-Troia.   Nel corso del XVI - XVII secololo cattedrale fu rinnovata secondo il gusto barocco con l'aggiunta di quattro cappelle laterali.
Abbazia di Santa Maria di Pulsano

Abbazia di Santa Maria di Pulsano

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Convento di San Matteo dei Frati Minori

Convento di San Matteo dei Frati Minori

Convento santuario della Madonna di Stignano

Convento santuario della Madonna di Stignano

Grotta di San Michele Arcangelo

Grotta di San Michele Arcangelo

Chiesa di Padre Pio

Chiesa di Padre Pio

La chiesa di Padre Pio, anche conosciuta come santuario di san Pio venne progettata dall'architetto italiano Renzo Piano. L'opera è stata quasi completamente finanziata dalle offerte dei pellegrini.In grado di contenere 7000 persone, risulta una delle chiese con la maggior superficie in Italia.La costruzione ha raccolto numerose critiche poiché realizzata in stile contemporaneo.
Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto - parco Archeologico Sipontum

Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto - parco Archeologico Sipontum

La chiesa sorge a circa 3 chilometri da Manfredonia ed è un esempio di architettura romanico-pugliese, con influenze islamiche. L'edificio si compone di due chiese sovrapposte di cui la chiesa superiore costituisce la Basilica vera e propria.
Abbazia di San Leonardo di Siponto in Lama Volara

Abbazia di San Leonardo di Siponto in Lama Volara

L'abbazia di San Leonardo di Siponto in Lama Volara fu fondata all'inizio del XII secolo ed entrò in declino già nella seconda metà del Duecento, passando sotto l'amministrazione di diversi ordini religiosi fino alla definitiva chiusura dell'ospedale nel 1809, che decretò il suo momentaneo abbandono. 
Museo Civico - Palazzo D\'Avalos

Museo Civico - Palazzo D\'Avalos

Il Museo Civico - Palazzo D'Avalos fu innaugurato nel 1981, i reperti provengono dall'area cittadina e dai siti archeologici limitrofi.
Eremi di Pulsano

Eremi di Pulsano

Gli Eremi sono il cuore piu intimo di Pulsano
Battistero medievale di San Giovanni in Tumba o Tomba di Rotari

Battistero medievale di San Giovanni in Tumba o Tomba di Rotari

Centro storico di Monte S. Angelo

Centro storico di Monte S. Angelo

Monte S. Angelo - Museo lapidario della Basilica di San Michele Arcangelo

Monte S. Angelo - Museo lapidario della Basilica di San Michele Arcangelo

Monte S. Angelo - Bosco Quarto

Monte S. Angelo - Bosco Quarto

Manfredonia - Bosco Quarto

Manfredonia - Bosco Quarto

Situato nel Gargano, il Bosco Quarto è, assieme alla Foresta Umbra, il polmone verde incontaminato della Puglia. Il bosco si distingue per l'estesa cerreta che si estende per circa 8000 ettari di terra, governata da esemplari antichissimi.
Compila tutti i campi e inviaci la tua richiesta, ti contatteremo il prima possibile.
N.B. Tutti i campi sono obbligatori.
Nome
Cognome
E-Mail
Messaggio
E-mail: info@garganoedaunia.com

Copyright® 2009-2015 - Gargano & Daunia
Sistema di Prenotazione Flywheel
By Intuizioni Creative - P.I. 03795350713